Claudia Palladino

Claudia Palladino

Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale n. 34 del 28 aprile 2020 i quattro decreti di indizione dei concorsi per il personale docente, finalizzati al reclutamento e all’immissione in ruolo degli insegnanti nonché all’accesso ai percorsi di abilitazione all’insegnamento.

Di seguito i dettagli sulle procedure.

1. Decreto n. 497/2020 (https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/04/28/20E05137/s4) di indizione di una procedura straordinaria per esami finalizzata all’accesso ai percorsi di abilitazione all’insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado su posto comune.

La procedura è volta ESCLUSIVAMENTE al conseguimento dell'abilitazione all'insegnamento e non da' diritto a essere assunti.

Alla procedura si potrà partecipare con il possesso congiunto di tre requisiti: a) tre anni di servizio su posto sostegno o comune in qualunque grado di istruzione (anche non consecutivi tra il 2008/2009 e il 2019/2020 inclusob) almeno una annualità di servizio sulla specifica classe, c) titolo di accesso alla classe. Possono partecipare alla procedura anche gli insegnanti ITP che posseggono i titolo di studio di cui all’allegato E del decreto n. 259/2017 (https://www.miur.gov.it/web/guest/-/d-m-n-259-del-9-maggio-2017).

È ritenuto valido il servizio prestato sul sostegno anche senza specializzazione nonché il servizio prestato nelle scuole paritarie.

Le domande potranno essere presentate fino dal 28 maggio 2020 al 3 luglio 2020.

2. Decreto n. 498/2020 (https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/04/28/20E05135/s4) di indizione del concorso ordinario, per titoli ed esami, finalizzato al reclutamento del personale docente per i posti comuni e di sostegno della scuola dell'infanzia e primaria.

Sono messi a bando complessivamente n. 12.863 posti nelle scuole dell'infanzia e primaria, che si prevede si renderanno vacanti e disponibili per il biennio costituito dagli anni scolastici 2020/2021 e 2021/2022.

Alla procedura possono partecipare gli insegnanti abilitati tramite in conseguimento della laurea in Scienze della formazione primaria, di diploma di maturità magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/2002 o di scuola magistrale (solo per l’infanzia).

Per poter partecipare sui posti di sostegno bisogna essere in possesso di specifico titolo di specializzazione o aver avviato il TFA entro dicembre 2019, circostanza che consentirà la partecipazione con riserva.

Le domande potranno essere presentate fino dal 15 giugno 2020 al 31 luglio 2020.

3. Decreto n. 499/2020 (https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/04/28/20E05136/S4) di indizione del concorso ordinario, per titoli ed esami, finalizzato al reclutamento del personale docente per posti comuni e di sostegno nella scuola secondaria di primo e secondo grado.

Sono messi a bando complessivamente 25.000 posti.

Potranno prendere parte alla procedura tutti gli insegnanti abilitati sulla classe di concorso per cui concorrono oppure in possesso di titolo di accesso alla classe congiuntamente al conseguimento di 24 CFU/CFA su disciplina antropo-psico-pedagogiche.

Sono esonerati dal conseguimento dei 24 crediti formativi coloro che posseggono un’abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione, fermo restando il titolo di accesso alla classe di interesse.

Anche in questo caso, per poter partecipare sui posti di sostegno bisogna essere in possesso di specifico titolo di specializzazione o aver avviato il TFA entro dicembre 2019, circostanza che consentirà la partecipazione con riserva.

Le domande potranno essere presentate fino dal 15 giugno 2020 al 31 luglio 2020.

4. Decreto n. 510 (https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/04/28/20E05138/s4) di indizione della procedura straordinaria, per titoli ed esami, per l'immissione in ruolo di personale docente della scuola secondaria di primo e secondo grado su posto comune e di sostegno.

Sono messi a bando complessivamente 24.000 posti.

Possono prendere parte alla procedura coloro che sono in possesso congiuntamente tre requisiti: a) tre anni di servizio (anche non consecutivi tra il 2008/2009 e il 2019/2020 incluso su posti comuni o di sostegno b) almeno una annualità di servizio sulla specifica classe o tipologia di posto per cui si concorre c) titolo di accesso alla classe. Possono partecipare alla procedura anche gli insegnanti ITP per le classi di concorso individuate dal decreto del Presidente della Repubblica n. 19/2016 (https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2016/2/22/16G00026/sg).

Per poter partecipare sui posti di sostegno bisogna essere in possesso di specifico titolo di specializzazione o aver avviato il TFA entro dicembre 2019, circostanza che consentirà la partecipazione con riserva.

È ritenuto valido il servizio prestato sul sostegno anche senza specializzazione, tutto il servizio prestato nelle scuole secondarie statali, nonché nell’ambito di specifici progetti regionali.

Per la partecipazione alla procedura in parola, inoltre, non è considerato valido il servizio prestato presso le scuole paritarie o in altri gradi di scuola.

Anche in questo caso, coloro che supereranno tutte le prove del concorso, anche se non risulteranno vincitori ma solo idonei, conseguiranno comunque l’abilitazione per le classi di concorso per cui hanno partecipato, qualora ne siano privi.

Le domande potranno essere presentate fino dal 15 giugno 2020 al 31 luglio 2020.

*

Lo studio legale Avv.ti Michele Bonetti e Santi Delia ha già individuato plurime illegittimità e sta studiando diverse azioni, che saranno rese note nei prossimi giorni, a tutela degli insegnanti che rimarranno esclusi dalla procedura o che saranno lesi nella partecipazione alla stessa.

Nell’ottica di dimostrare concreto interesse, finalizzato anche alla eventuale proposizione di un ricorso, lo studio consiglia di presentare la domanda di partecipazione al concorso entro i termini stabiliti dai decreti tramite la piattaforma ministeriale o, qualora non fosse possibile, in forma cartacea.

Per informazioni o segnalazioni sulle procedure lo studio è a disposizione all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Gli insegnanti di ruolo, anche se con riserva, potranno partecipare al concorso straordinario per titoli bandito dalla Provincia autonoma di Trento a seguito di precipua istanza presentata dagli Avv.ti Michele Bonetti e Santi Delia a tutela dei propri assistiti.

Nel mese di marzo, difatti, la Giunta della P.A.T.  procedeva all’approvazione del bando e l’indizione della selezione pubblica per il “Concorso straordinario per titoli per l'assunzione a tempo indeterminato del personale docente della scuola primaria, per posti di sostegno nella scuola primaria e per l'insegnamento delle lingue straniere inglese e tedesco nella scuola primaria, delle scuole a carattere statale della provincia di Trento”.

Detto bando, disciplinando il procedimento di gara, determina i “requisiti specifici per l’ammissione al concorso” ed all’articolo 4, lettera g, preclude la partecipazione ai soggetti già assunti a tempo indeterminato nelle scuole statali e nelle istituzioni scolastiche provinciali a carattere statale nella medesima figura professionale.

La ratio di tale norma di concorso è quella di escludere dalla partecipazione coloro i quali, avendo già stipulato un contratto a tempo indeterminato per la medesima figura professionale, godono di una stabile ed inalterabile posizione lavorativa e dunque la loro partecipazione precluderebbe ad altri soggetti con posizioni più svantaggiate la possibilità di prendere il ruolo.

Tale bando, tuttavia, non tiene conto di coloro che sono in ruolo con riserva per effetto di provvedimenti giudiziali e che quindi hanno stipulato contratti con clausola risolutiva.

Lo studio legale Avv.ti Michele Bonetti e Santi Delia è così intervenuto in maniera stragiudiziale, rappresentando che la riserva incombente sull’assunzione degli insegnanti in parola rende la loro posizione notevolmente diversa da coloro i quali sono immessi a pieno titolo poiché non godono dello stesso carattere di stabilità e inalterabilità.

Difatti non essendo ancora definita la controversia, attraverso una eventuale pronuncia negativa da parte del G.A. tali assunzioni sarebbero revocate.

La provincia autonoma di Trento, a seguito dell’inoltro delle ridette istanze, ha accolto la richiesta, ritenendo di poter legittimamente ammettere al concorso anche gli inseganti che sebbene abbiano ottenuto il ruolo questo sia gravato da riserva processuale.

L’Avv. Bonetti ha così commentato: “La preclusione posta dal bando, non chiarita, avrebbe arrecato un notevole pregiudizio nei confronti degli insegnanti assunti in ruolo con riserva. Questi ultimi si sarebbero quindi visti negare apriori la possibilità di partecipare alla procedura concorsuale e di ambire ad una condizione di stabilità lavorativa, ad oggi mai posseduta.”

Siamo nella selezione 2020 Public Law. La ricerca di Milano Finanza e Class Cnbc seleziona due Professionisti del nostro studio, l’Avv. Michele Bonetti e Santi Delia nella Sezione professionisti, oltre a tutto il nostro studio tra “I migliori avvocati e i migliori studi Legali 2020 Corporate”.
“I migliori avvocati e i migliori studi Legali 2020 Corporate”.
Il criterio guida per l’attribuzione del premio è basata sull’analisi delle operazioni avanzate dai professionisti collegate a contratti con Pubbliche Amministrazioni ed enti locali, gare d’appalto della Pubblica Amministrazione, diritto ambientale e contenzioso amministrativo.
L’Avvocato Bonetti ha così commentato la propria candidatura: “Siamo onorati ed orgogliosi di concorrere alla Selezione di professionisti, unitamente a tantissimi stimati e apprezzati Avvocati del foro italiano e del mondo accademico.”

 

Siamo nella selezione 2020 Public Law. La ricerca di Milano Finanza e Class Cnbc seleziona due Professionisti del nostro studio, l’Avv. Michele Bonetti e Santi Delia nella Sezione professionisti, oltre a tutto il nostro studio tra “I migliori avvocati e i migliori studi Legali 2020 Corporate”.

Il criterio guida per l’attribuzione del premio è basato sull’analisi delle operazioni avanzate dai professionisti collegate a contratti con Pubbliche Amministrazioni ed enti locali, gare d’appalto della Pubblica Amministrazione, diritto ambientale e contenzioso amministrativo.

L’Avvocato Bonetti ha così commentato la propria candidatura: “Siamo onorati ed orgogliosi di concorrere alla Selezione di professionisti, unitamente a tantissimi stimati e apprezzati Avvocati del foro italiano e del mondo accademico.”

 

Siamo nella selezione 2020 Public Law. La ricerca di Milano Finanza e Class Cnbc seleziona due Professionisti del nostro studio, l’Avv. Michele Bonetti e Santi Delia nella Sezione professionisti, oltre a tutto il nostro studio tra “I migliori avvocati e i migliori studi Legali 2020 Corporate”.

Il criterio guida per l’attribuzione del premio è basato sull’analisi delle operazioni avanzate dai professionisti collegate a contratti con Pubbliche Amministrazioni ed enti locali, gare d’appalto della Pubblica Amministrazione, diritto ambientale e contenzioso amministrativo.

L’Avvocato Bonetti ha così commentato la propria candidatura: “Siamo onorati ed orgogliosi di concorrere alla Selezione di professionisti, unitamente a tantissimi stimati e apprezzati Avvocati del foro italiano e del mondo accademico.”

 

 

A seguito di diversi depennamenti dalle graduatorie ad esaurimento intervenuti ai danni di alcuni docenti diplomati magistrali ivi inseriti con riserva processuale, lo Studio Legale Avv.ti Michele Bonetti e Santi Delia è intervenuto a tutela dei suoi assistiti ottenendo la revisione di provvedimenti e il reinserimento in GAE.

Tra gli Uffici interessati e che hanno provveduto alla revoca dei decreti vi sono Lucca, Napoli, Brindisi, Taranto, Potenza, Verona e molti altri.

La vicenda concerne insegnanti abilitati con diploma di maturità magistrale ante 2001/2002 che, per l’effetto di provvedimenti di accoglimento emanati Giudice Amministrativo, sono stati inseriti nelle GAE con riserva e che hanno finanche ottenuto contratti a tempo indeterminato.

Ad oggi i procedimenti risultano ancora pendenti e non definiti, senza alcuna pronuncia negativa seppur cautelare, tuttavia alcuni USP avevano agito con il depennamento in violazione delle stesse disposizioni del Ministero che, in occasione dell’ultimo aggiornamento delle GAE aveva espressamente previsto l’esclusione solo per “quei docenti che abbiano ricevuto sentenze di merito sfavorevoli”.

“Siamo intervenuti a tutela dei nostri assistiti” commenta l’Avv. Michele Bonetti che aggiunge “molti degli Uffici hanno già provveduto a revocare i decreti e ripristinare i contratti, monitoreremo la situazione affinché non vi siano discriminazioni legate alla competenza territoriale degli USP”.

Il personale educativo non potrà partecipare al TFA sostegno per la scuola primaria in quanto il M.I. si ostina a non voler riconoscere lo “status” di docente di scuola primaria al personale educativo abilitato nel concorso del 2000.

Sul punto vi è una stratificazione normativa che da anni parifica lo status giuridico ed economico del personale educativo a quello degli insegnanti della scuola elementare ed anche il TAR del Lazio ed il Consiglio di Stato, con plurime pronunce, hanno rimarcato l’equipollenza dei due titoli.

Per il ciclo di TFA sul sostegno bandito con Decreto Ministeriale n. 95 del 12-02-2020, tuttavia, tale categoria non viene contemplata.

Per questo motivo proponiamo un ricorso al TAR affinché il personale educativo possa partecipare al percorso di specializzazione in parola.

E' POSSIBILE ADERIRE ALL'AZIONE ENTRO IL 10 MAGGIO 2020.

All’azione possono partecipare tutti coloro che hanno conseguito l’abilitazione di personale educativo tramite il concorso del 2000.

Lo studio avanzerà ricorsi sia di natura individuale (che consigliamo maggiormente) che di natura collettiva.

Il costo dell’azione INDIVIDUALE dinanzi al TAR è di euro 2000,00 omnicomprensivi, per tutto il primo grado di giudizio, da versarsi anche in due tranche (la prima di euro 1200).

Il costo dell’azione COLLETTIVA dinanzi al TAR è di euro 350,00. omnicomprensivi, per tutto il primo grado di giudizio da versarsi in unica soluzione al momento dell’adesione.

Non riteniamo che vi saranno problemi per il raggiungimento del numero minimo di partecipanti (10 adesioni) alle azioni tuttavia in caso di ricorso collettivo lo studio si riserva di valutare l’accettazione del mandato sulla base del numero di adesioni pervenute.

Per aderire all’azione sarà necessario seguire pedissequamente le istruzioni che seguono:

1. Scaricare la procura allegata.

2. Stampare due copie della procura, compilarle e firmarle entrambe in originale (la sottoscrizione deve essere apposta a penna). Non sono richieste autentiche notarili.

3. Procedere al pagamento della quota di partecipazione all’azione di euro 1200,00 per il ricorso individuale e di 350 per il ricorso collettivo, attraverso bonifico da effettuare sulle coordinate bancarie rimesse di seguito.

4. Inoltrare, i seguenti documenti:

- due procure in originale e sottoscritte;

- copia del documento di identità e del codice fiscale;

- certificazione o autocertificazione del superamento del concorso;

- domanda di partecipazione al TFA sostegno per la scuola primaria;

- copia del bonifico effettuato alle coordinate allegate (nella causale del bonifico dovrete inserire il vostro nome, cognome, C.F. e la dicitura “TFA”).

Eccezionalmente, considerando il particolare momento che sta attraversando il Paese e le restrizioni imposte dai Decreti Legge per l’emergenza COVID-19, potrete inoltrare la documentazione solo a mezzo e-mail (all’indirizzo info@ avvocatomichelebonetti.it) e spedire la documentazione in originale quando vi sarà possibile a mezzo raccomandata a.r. (Avv. Michele Bonetti via San Tommaso d’Aquino n. 47, 00136 – Roma).

5. Compilare (solo una volta e inserendo dati veritieri e verificati) il seguente FORM online (copiare il link ed incollarlo nella barra di ricerca avendo cura di non copiare gli spazi all'inizio e alla fine della stringa): https://forms.gle/9L2X89kwySXTzS1C9

Si invita a prestare particolare attenzione nell'inserimento dei dati nel FORM online con l'avvertimento che le comunicazioni da parte dello studio avverranno a mezzo e-mail all'indirizzo indicato al momento della compilazione del FORM. Per tale ragione Vi invitiamo a indicare esclusivamente indirizzi e-mail e non indirizzi pec.

ATTENZIONE

Il cliente è invitato espressamente alla partecipazione alle riunioni pubbliche e on-line che lo studio organizza nonché alla consultazione del sito internet www.avvocatomichelebonetti.it e, al fine di una corretta informazione sull'azione. I ricorrenti dovranno altresì leggere sempre con attenzione l'e-mail collettive inoltrate dallo studio legale.

Si precisa che per legge non sarà riportata nel ricorso collettivo, a pena di inammissibilità, una specificazione delle posizioni individuali, trattandosi per l'appunto di un ricorso di natura collettiva che non comprende consulenze individuali.

Sono escluse, dunque, consulenze su questioni personali e individuali a cui lo studio risponderà nelle riunioni pubbliche e online che periodicamente si tengono tramite le strutture associative di riferimento.


Il ricorrente, per tenersi aggiornato, è tenuto a consultare il sito internet dello studio www.avvocatomichelebonetti.it.
Attenzione, la carenza della documentazione richiesta o l’inesattezza dei dati inseriti comporterà l’esclusione dal ricorso.

Non è ammesso inserire in una solo busta la documentazione di più ricorrenti.

Questo studio declina ogni responsabilità in merito all’eventuale mancato inserimento nel ricorso qualora la documentazione non dovesse giungere entro i termini stabiliti o nel caso in cui non siano rispettate le procedure previste nella presente informativa, riservandosi, anche in ipotesi di correttezza della procedura seguita, l’accettazione dei vostri mandati che verrà comunicata esclusivamente via e-mail.

Precisiamo che solo il corretto perfezionamento delle tre procedure (1. Inoltro della documentazione di adesione al ricorso a mezzo e-mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; 2. Inoltro della documentazione di adesione al ricorso in originale a mezzo raccomandata a.r. all’indirizzo Avv. Michele Bonetti via San Tommaso d’Aquino n. 47, 00136 – Roma. 3. Compilazione del form on-line. Si chiede di prestare particolare attenzione nella compilazione del form on-line precisando che qualunque errore, che sarà eventualmente successivamente riscontrato, dovuto a disattenzione nella compilazione sarà solo a Voi attribuibile) sarà ritenuto idoneo a perfezionare l'adesione al ricorso.

Si comunica che nel pieno rispetto della normativa vigente anche in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e dell’attuale normativa in materia di emergenza sanitaria, lo studio legale è aperto con la presenza quotidiana in loco dei Professionisti dello Studio al fine di continuare a garantire ai nostri clienti e a tutti Voi la massima assistenza. Abbiamo adottato ogni misura per garantire, la salute dei professionisti e del personale dello Studio e dei clienti per scongiurare ogni rischio rispetto all’emergenza sanitaria in atto; pertanto nonostante la formale riapertura dello studio, gli appuntamenti continueranno a svolgersi tramite le modalità telematiche e telefoniche che pattuiremo insieme e nel rispetto della normativa anche sulla privacy e soprattutto con scrupolosa osservanza del codice deontologico. Tali sforzi, di fatto attuati sin dall'inizio dell'emergenza sanitaria, seguono le indicazioni provenienti dalla Giustizia Amministrativa che, come è noto e divulgato anche a mezzo comunicati stampa, ha sempre operato a pieno regime non arrestando la possibilità di accesso alla tutela dei cittadini. Il nostro Studio rimane quindi a Vostra piena disposizione per ogni eventuale necessità, nonostante le circostanze eccezionali, e per agevolare la comunicazione rappresentiamo la nostra disponibilità con le seguenti modalità ROMA: dal lunedì al venerdì in orari di ufficio e il sabato mattina dalle 9 alle 13.30. Via e-mail al nostro indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., nonché telefonicamente nei consueti orari di ufficio ai numeri di telefono 39 06.3728853 | +39 06.39749383 | +39 06.39737480 | +39 06. 39740882 39 349.4216026 - +39 391.3766108 MESSINA: dal lunedì al venerdì (dalle 9 alle 13 e dalle 14.30 alle 19) e il sabato mattina (solo a mezzo mail dalle 9 alle 12.30). Via e-mail al nostro indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., nonché telefonicamente nei consueti orari di ufficio ai numeri di telefono 39 090.6012198 | +39 090.6406782 |

Con il provvedimento n. 2423/2020 del 15.04.2020 il Giudice amministrativo d’appello torna ad occuparsi di un contenzioso afferente alla mancata ammissione di un alunno alla seconda classe della scuola secondaria di secondo grado. Trattasi, come noto, di situazioni sempre più frequentemente rimesse alla giustizia amministrativa e che richiedono uno scrutinio approfondito quanto lungimirante laddove rilevano irregolarità macroscopiche nell’applicazione della normativa vigente (a tal proposito si veda l’approfondimento reperibile al presente link) o soprattutto si fanno portavoce di un malessere, un turbamento dell’alunno, come avvenuto nel caso in argomento.

La situazione sottoposta al giudice, difatti, non atteneva unicamente alla bontà della valutazione operata dagli insegnanti, bensì si incardinava in un contesto ben più peculiare, contraddistinto, in base ai rilievi forniti dai genitori, da presunti reiterati maltrattamenti perpetrati da un professore a danno degli alunni. In considerazione degli stessi, i quali inevitabilmente si erano ripercossi negativamente sulla resa scolastica del ricorrente, i genitori avevano adito il TAR Basilicata chiedendo l’annullamento dei provvedimenti del Consiglio di classe che, tralasciando ogni valutazione sulla condotta del docente, si erano limitati a calcolare la media aritmetica dei voti del ragazzo senza considerare le variabili personali, temporali ed ambientali, e conseguentemente ne avevano disposto la bocciatura.

Il giudice di primo grado investito, però, aveva respinto le doglianze del ricorrente facendo leva sul rendimento scolastico insufficiente. Non veniva dunque presa in esame la peculiare situazione dell’alunno, le sevizie eventualmente subite e lo stato psicologico con cui lo stesso si sarebbe approcciato alla scuola proprio a seguito di quanto accaduto tra le mura dell’istituto. Anzi, tale situazione specifica passava del tutto in secondo piano, surclassata dalle risultanze del Consiglio di classe.

Secondo il TAR, la mera media aritmetica, oggettiva ed indefettibile, era l’unico dato rilevante ai fini della promozione o bocciatura dell’alunno, senza che le altre componenti psicologiche o ambientali potessero in alcun modo influire sulle prospettive future del ragazzo.

Avverso la sentenza di rigetto del giudice di prime cure si è adito il Consiglio di Stato che, con la pronuncia in argomento, ha ribaltato il punto di vista del TAR accordando al discente piena tutela.

Il giudice d’appello, difatti, ha preso le mosse proprio dalla situazione di turbamento e disagio paventata dal ricorrente e, anche in considerazione della denuncia querela formulata dai genitori e del successivo avviso di conclusione delle indagini preliminari (in base al quale il Tribunale di Matera ha proceduto nei confronti del professore per il delitto di cui agli arti. 81 cpv. e 572 c.p.), ha disposto un approfondimento istruttorio circa la consistenza dei fatti addebitati al docente.

Le vicissitudini richiamate all’interno della querela, invero, attenevano a condotte del professore particolarmente gravi, come punizioni fisiche agli alunni, reiterate mortificazioni degli stessi anche innanzi all’intera classe e addirittura episodi di maltrattamenti che terminavano con danni fisici ai ragazzi. Fatti che, laddove dovessero essere veritieri, non potrebbero non aver modificato, distorto, la percezione dell’adolescente sulla scuola, facendone plausibilmente un luogo di sofferenza e turbamento anziché uno di comprensione e formazione.

Non può tacersi, quindi, la portata degli episodi in trattazione che, in antitesi ai plurimi interventi di sensibilizzazione contro il bullismo ed il cyber bullismo dilagante negli istituti di istruzione, potrebbe aver costituito uno strumento di vero e proprio bullismo dell’insegnante sull’alunno.

Ebbene il giudice d’appello, sensibile ad una situazione tanto delicata, e nell’intento di approfondire quanto più possibile la veridicità degli episodi di maltrattamenti subiti dal ricorrente, disponeva un’ampia istruttoria, raccomandando all’amministrazione di fornire ogni elemento utile per chiarire i fatti ed altresì, d’ufficio, l'acquisizione di informazioni e documenti utili ai fini del decidere che fossero nella disponibilità della pubblica amministrazione.

A differenza di quanto avvenuto in primo grado, quindi, veniva accordata un’importanza imprescindibile alla situazione specifica patita dall’alunno, su cui si chiedeva all’amministrazione di approfondire.

Se il TAR si era dimostrato sordo alla contestualizzazione della resa scolastica del ragazzo, come inevitabilmente influenzata dalle vicissitudini evidenziate, il Consiglio di Stato si è invece concentrato proprio su di esse, manifestando una preoccupazione viva, umana, su quanto accaduto tra le mura scolastiche.

E proprio l’inerzia immotivata dell’amministrazione sulle richieste del Consesso è posta a fondamento della decisione d’appello. Il significativo inadempimento processuale perpetrato dalla PA, difatti, è stato valutato ai sensi dell’art. 64 cpa, sia in ottemperanza al principio di non contestazione sia in termini di contegno della parte processuale. Va da sé evidentemente che, in mancanza di depositi in grado di smontare la tesi del ricorrente, debba presumersi l’inesistenza stessa di documenti, dati, informazioni che possano controbattere alle doglianze dell’alunno, soprattutto in considerazione del fatto che l’omesso deposito non è in alcun modo motivato dall’amministrazione.

L’inerzia immotivata su rilievi irrinunciabili ai fini della definizione del contenzioso, ha condotto all’accoglimento dell’appello con conseguente ammissione dell’alunno alla classe successiva.

Ancora una volta il Consiglio di Stato manifesta il proprio orientamento a garanzia dei singoli, confermando la preoccupazione ad emettere pronunce che siano il risultato di uno scrutinio rigoroso ed approfondito, di una visione d’insieme a 360 gradi atta a valutare tutte le componenti del contenzioso e ad accordare tutela a coloro i quali sono lesi da operatori che, in spregio ai principi posti a fondamento dell’attività amministrativa, abusano dei poteri loro forniti.

Ciò emerge a maggior ragione nel nostro caso, ove trattasi di ragazzi in erba, individui alla scoperta della propria identità e del proprio futuro, lesi proprio nel luogo preposto alla loro cura e formazione.

Senza interventi giurisprudenziali quali quello in esame gli alunni farebbero le spese di un sistema inefficiente, della carenza nei controlli, della condotta abusiva di alcuni individui. Si possono forse comprendere in tal senso le posizioni di coloro che premono per la fruizione ordinaria della didattica online, strumento oggi posto al centro dell’attenzione in virtù dell’emergenza pandemica, ma anche protagonista di un ampio dibattito sul futuro dell’insegnamento, le cui sorti sono immancabilmente legate alla propria duttilità al cambiamento secondo seri correttivi.

Di seguito si rimette la rassegna stampa con i relativi link: 

http://scuola24.ilsole24ore.com/art/scuola/2020-04-18/bocciatura-illegittima-se-non-si-valuta-contesto-psicologico-e-ambientale-dell-alunno-maltrattato-183624.php?uuid=ADzrZBL

https://www.gildavenezia.it/bocciatura-illegittima-se-non-si-valuta-il-contesto-psicologico-e-ambientale-dellalunno-maltrattato/

https://www.edscuola.eu/wordpress/?p=127887

http://www.abbanews.eu/diritti-e-costumi/bocciato/

https://www.lavocedeldiritto.it/index.php/altri-diritti/item/924-bocciatura-illegittima-in-mancanza-di-valutazione-del-contesto-psicologico-ed-ambientale-del-ragazzo-sottoposto-a-maltrattamenti-a-scuola-la-nuova-sentenza-del-consiglio-di-stato

https://www.semprediritti.it/index.php/focus/item/795-bocciatura-illegittima-in-mancanza-di-valutazione-del-contesto-psicologico-ed-ambientale-del-ragazzo-sottoposto-a-maltrattamenti-a-scuola-la-nuova-sentenza-del-consiglio-di-stato

https://www.avvocatosantidelia.it/2020/04/18/bocciatura-illegittima-in-mancanza-di-valutazione-del-contesto-psicologico-ed-ambientale-del-ragazzo-sottoposto-a-maltrattamenti-a-scuola-la-nuova-sentenza-del-consiglio-di-stato/

Dopo l’apertura sulle specializzazioni, ove lo stesso Consiglio di Stato, ha disposto l’attribuzione dei posti disponibili ai ricorrenti, simmetricamente, qualche settimana addietro, aveva parimenti aperto a nuove possibilità sul numero chiuso degli studenti di medicina e chirurgia per l’anno corrente accogliendo i ricorsi Udu patrocinati dagli Avvocati Michele Bonetti e Santi Delia.

Il Ministero e le Università, tuttavia, in molti casi, non hanno dato seguito a tali ordini di immatricolazione non consentendo agli studenti vincitori di poter, fattivamente, prendere parte alle lezioni (attualmente on line e dunque a distanza ma comunque attive).

Il Consiglio di Stato, dunque, accogliendo il ricorso degli Avvocati Michele Bonetti e Santi Delia founders di Bonetti & Delia – Studio Legale – ha imposto l’immediata immatricolazione evidenziando come “nonostante due decreti di accoglimento dell’istanza cautelare, non si è ancora conclusa l’esecuzione di quanto ivi disposto, nonostante l’Università abbia già predisposto lezioni ed esami a distanza tramite la piattaforma https://elearning”, “che dunque va disposta senza ulteriore ritardo l’immatricolazione dell’appellante al corso di laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università e, in caso di ulteriore inottemperanza successiva al decimo giorno dal presente decreto, la nomina di un commissario ad acta in persona del Direttore Generale Ministero dell’Istruzione dr.ssa Maria Letizia Melina”.

Dichiara Enrico Gulluni, Coordinatore Nazionale UDU – Unione degli Universitari: “Infatti, rendendosi conto dei plurimi posti rimasti disponibili per l’anno accademico 2019/2020, nonostante le raccomandazioni nella conferenza dei Rettori e del tavolo tecnico, il Ministero dell’Università e della Salute non ha difatti consentito la copertura di tutti i posti programmati e rimasti disponibili. La presenza degli ordini professionali in plurime fasi del procedimento decisionale che hanno portato alla determinazione del numero chiuso, rende lo stesso illegittimo ed incostituzionale.”
Dichiarano l’Avv. Michele Bonetti e Santi Delia “Con un dotto provvedimento il Consiglio Di Stato, prendendo anche atto dell’aumento, per il prossimo anno di 2000, posti assegnati alla facoltà di medicina, apre nuove possibilità anche per l’anno in corso consentendo agli studenti ricorrenti di potersi immatricolare in virtù del proprio punteggio e della propria posizione in graduatoria.”

Visite oggi 610

Visite Globali 3091276