Visualizza articoli per tag: Sassari http://webamail.avvocatomichelebonetti.it Thu, 01 Oct 2020 22:37:50 +0000 Joomla! - Open Source Content Management it-it ABUSO DEI CONTRATTI A TERMINE NEI CONFRONTI DEI LAVORATORI DELL’ATENEO DI SASSARI: LA CORTE DI APPELLO DI SASSARI CONDANNA L’UNIVERSITA'. http://webamail.avvocatomichelebonetti.it/notizie/2058-abuso-dei-contratti-a-termine-nei-confronti-dei-lavoratori-dell-ateneo-di-sassari-la-corte-di-appello-di-sassari-condanna-l-universita http://webamail.avvocatomichelebonetti.it/notizie/2058-abuso-dei-contratti-a-termine-nei-confronti-dei-lavoratori-dell-ateneo-di-sassari-la-corte-di-appello-di-sassari-condanna-l-universita ABUSO DEI CONTRATTI A TERMINE NEI CONFRONTI DEI LAVORATORI DELL’ATENEO DI SASSARI: LA CORTE DI APPELLO DI SASSARI CONDANNA L’UNIVERSITA'.

La Corte di Appello di Sassari ha accolto il ricorso presentato da alcuni lavoratori tecnico – amministrativi per il riconoscimento della sussistenza di un contratto di lavoro subordinato e a tempo indeterminato instaurato con l’Università degli Studi di Sassari.

Nello specifico, trattasi di lavoratori che da molti anni svolgevano mansioni identiche e connotate dai caratteri della subordinazione presso gli Uffici universitari, assunti tuttavia dall’Ateneo mediante varie tipologie contrattuali (anche di lavoro autonomo) in luogo di contratti di lavoro subordinati. Si chiedeva così all’On.le Giudice adito di dichiararne l’illegittimità per simulazione, considerato che al diverso nomen di ogni singolo contratto corrispondeva sempre il medesimo rapporto di lavoro subordinato.

Peraltro, nell’ultima fase del rapporto lavorativo, l’Amministrazione stipulava con i ricorrenti contratti a tempo determinato protratti per oltre 36 mesi, nonostante non sussistessero nella realtà i requisiti di cui all’art. 4, co. 1 del D.lgs. n. 368/2001.  A differenza di quanto sostenuto dall’Università, infatti, le relative esigenze organizzative non potevano considerarsi eccezionali – alla stregua di quanto previsto dalla disposizione citata - bensì stabili e durature, fronteggiabili solamente con l’assunzione di lavoratori regolarmente inseriti nell’organico amministrativo e demandati a svolgere determinati compiti e specifiche funzioni, in modi e tempi stabiliti dalla parte datoriale.

Di conseguenza, i singoli lavoratori richiedevano alla parte datoriale formale stabilizzazione della propria posizione lavorativa che, tuttavia, veniva loro negata mediante decisione impugnata, innanzi al Giudice del Lavoro competente, unitamente a tutti i contratti simulati già sottoscritti.

A differenza del Giudice di prime cure che si pronunciava con sentenza negativa, la Corte di Appello di Sassari ha accolto la tesi prospettata dallo Studio Legale Michele Bonetti&Partners, difensore dei lavoratori, dichiarando “in riforma della sentenza appellata, l’illegittimità dei rapporti contrattuali intercorsi tra le parti dal […] al […]; per l’effetto, condanna l’Università degli Studi di Sassari, in persona del legale rappresentante, al risarcimento del danno all’appellante nella misura pari a 12 mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto”.

Trattasi di una pronuncia molto importante resa a tutela dei diritti dei lavoratori e che censura fortemente l’utilizzo indiscriminato ed arbitrario di forme contrattuali illegittime da parte della pubblica amministrazione.

]]>
claudia.palladino@avvocatomichelebonetti.it (Claudia Palladino) News Tue, 21 Jan 2020 16:12:04 +0000
INCONTRO A SASSARI http://webamail.avvocatomichelebonetti.it/notizie/1126-incontro-a-sassari http://webamail.avvocatomichelebonetti.it/notizie/1126-incontro-a-sassari INCONTRO A SASSARI

Carissimi,

sabato 21 febbraio 2015 sarò per la prima volta a Sassari.

Alle ore 15.00 si terrà una riunione con i precari dell’Università degli Studi di Sassari che intendono impugnare i contratti a tempo determinato, tipologia contrattuale tipicamente utilizzata dall’Ateneo di Sassari ed, a mio avviso, illegittima.

Alle 17.30 seguirà la riunione con tutti gli studenti sassaresi e sardi per discutere del prossimo scioglimento della riserva inerente i ricorsi pendenti, presenti e passati, e di tutte le problematiche connesse ai contenziosi (trasferimenti dall’estero, passaggi ad anni successivi al primo, rinunce, ecc.).

Dulcis in fundo, la riunione delle 18.45 in poi con gli aspiranti specializzandi sardi ove affronteremo, oltre lo stato dei ricorsi di primo e secondo grado, la tematica dell’istituendo coordinamento dei ricorrenti e gli scenari che potrebbero aprirsi anche con il prossimo ed imminente concorso.

Vi aspetto tutti a Sassari in via Besta, presso la Parrocchia di San Paolo.

Sempre a Vostra disposizione.

]]>
claudia.palladino@avvocatomichelebonetti.it (Claudia Palladino) News Thu, 19 Feb 2015 14:52:06 +0000
LE UNIVERSITA' SBAGLIANO ANCORA, ILLEGITTIME LE GRADUATORIE DI CHIETI, MILANO, NAPOLI FEDERICO II, GENOVA, FERRARA, PERUGIA, TOR VERGATA, SASSARI, TRIESTE E UDINE. http://webamail.avvocatomichelebonetti.it/campagne/numero-chiuso/623-le-universita-sbagliano-ancora-illegittime-le-graduatorie-di-chieti-milano-napoli-federico-ii-genova-ferrara-perugia-tor-vergata-sassari-trieste-e-udine http://webamail.avvocatomichelebonetti.it/campagne/numero-chiuso/623-le-universita-sbagliano-ancora-illegittime-le-graduatorie-di-chieti-milano-napoli-federico-ii-genova-ferrara-perugia-tor-vergata-sassari-trieste-e-udine LE UNIVERSITA' SBAGLIANO ANCORA, ILLEGITTIME LE GRADUATORIE DI CHIETI, MILANO, NAPOLI FEDERICO II, GENOVA, FERRARA, PERUGIA, TOR VERGATA, SASSARI, TRIESTE E UDINE.

In questi Atenei nonostante le nostre vittorie al T.A.R. continuano a pubblicare le graduatorie sulla base della preferenza e non del punteggio.
Perché queste graduatorie sono illegittime?
I candidati di tutti gli altri Atenei d'Italia, così come previsto dal MIUR, potevano inserire 3 scelte cosicchè in caso di mancata ammissione al corso di laurea di prima opzione si poteva ancora cogliere l'opportunità di essere ammesso negli altri. In tutta Italia tranne che in queste sedi.
Si perchè secondo il bando di concorso di questi Atenei l'ammissione al corso di laurea di seconda o terza scelta da solo diritto alla possibilità di essere inserito in coda in quella graduatoria dopo tutti coloro che pur avendo ottenuto un punteggio più basso hanno scelto quel corso come prima opzione. Il candidato con 68 punti escluso a Fisioterapia, per fare un esempio, è rimasto comunque fuori da infermieristica nonostante vi siano ammessi con poco più di 50 punti.
Una scelta selettiva, dunque, che tutto premia fuorchè il merito. Una vera e propria lotteria delle opzioni.
Dello stesso avviso è il T.A.R. del Lazio che ha accolto il ricorso degli Avvocati Michele Bonetti e Santi Delia, sempre pronti a difendere i diritti degli studenti, ed ha ammesso lo studente al corso di laurea indicato come seconda scelta.
"Non è una vittoria del singolo studente ma è un'affermazione del diritto allo studio", commentano i legali. "Da anni ci battiamo per escludere la lotteria delle opzioni o che elimini il rischio imponderabile del numero dei candidati presenti in una determinata sede. La decisione del T.A.R. riguarda ovviamente il solo nostro ricorrente ma fa rabbia analizzare la graduatoria e vedere quanti studenti sono stati privati della possibilità di studiare al corso di laurea cui aspiravano pur avendo dimostrato di valere sul campo l'agognata ammissione".

Ora tutti coloro che non sono stati ammessi al corso di laurea di prima opzione ma che con il loro punteggio sarebbero stati ammessi nelle altre possono fare ricorso.
Per maggiori info su come aderire al ricorso contatta info@avvocatomichelebonetti.it

]]>
roby.nardi@fastwebnet.it (Roberta Nardi) Numero chiuso Sat, 21 Sep 2013 17:56:45 +0000